DOMENICA DELLE PALME:
Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d'Israele

sant'Andrea di Creta



All’inizio dell’ultima settimana del tempo quaresimale, la liturgia della Parola ci presenta gli ultimi giorni della vita pubblica di Gesù.
Il desiderio dei Greci di vedere Gesù crea le condizioni per l’annuncio che l’Ora della glorificazione è giunta e che essa deve necessariamente passare attraverso la via della croce. L’atteggiamento di questi pagani, non giudei, non nasce da una superficiale curiosità, infatti il verbo ideîn/vedere ha lo spessore della conoscenza che apre alla fede.

Come profetava Geremia, la conoscenza del Signore è uno dei segni della nuova alleanza che deve raggiungere tutti, dal più piccolo al più grande (cfr. Ger 31,34).

C’è un passaggio da compiere; quello dalla propria vita, alla quale ci si può attaccare con un amore fine a se stesso, alla vita eterna, che permette invece di non perdere nulla.

Questo passaggio implica un abbassamento, che è paragonabile a quello del seme che deve necessariamente cadere a terra e morire in essa per portare il frutto della nuova vita.
Così sarà anche per Gesù, il cui innalzamento dovrà passare attraverso la radicale assunzione del destino di morte dell’umanità nella quale si è pienamente incarnato.
Il turbamento dell’anima registrato da Giovanni è efficacemente richiamato dall’autore della lettera agli Ebrei, che vede nella sofferenza la via verso la perfezione dell’obbedienza di Gesù, in ordine alla sua missione salvifica.

Tutti mi conosceranno. L’ora del Signore è giunta e la profezia della nuova alleanza si sta per compiere nel sacrificio di Gesù. Nel cammino spirituale che conduce alla Pasqua, occupa un posto singolare la disposizione del cuore ad accogliere il perdono del Signore. Nell’atto della riconciliazione, che per primo desidera il Signore (cfr. Ger 31,34), egli rivela infatti la ‘sua infinita adesione all’umanità di ogni tempo e di ogni luogo. L’intima conoscenza del Signore si apre a partire dalla debolezza di ciascun fedele: lì il Signore Gesù rivela il suo volto d’amore, lì ciascuno lo conoscerà.

Come un chicco di grano. L’umanità rinnovata dal mistero di Gesù scorge nel Figlio dell’uomo il modello di ogni perfezione, cioè di ogni esistenza compiuta. La vita del cristiano è sequela di Gesù: egli, reso perfetto dall’obbedienza, è il chicco di grano che muore, generando vita e comunione. Relazione e carità, non più solitudine ed egoismo, appaiono la strada maestra che conduce a salvezza.

Attirerò tutti a me. Il tempo volge rapidamente alla consumazione dell’amore: contempliamo il Signore che si lascia morire, in totale affidamento e completamente consegnato.

 




da:
Sorelle del Signore - Il tempo di Quaresima -
La Rivista del Clero Italiano Anno LXXXIV – 2003




 

 

 

 

 

Pasqua: Risurrezione del Signore
Angelo card. Bagnasco
Da venti secoli la Chiesa è in cammino per proclamare a tutti questa sconvolgente notizia. Da venti secoli non teme ...continua

 

TEMPO PASQUALE: La Cinquantina pasquale
Matteo Ferrari
Il tempo di Pasqua inizia con la Domenica di Risurrezione e si protrae per cinquanta giorni fino alla solennità di Pentecoste ...continua

 

DOMENICA DI PASQUA - RISURREZIONE DEL SIGNORE
Cristo è la Risurrezione e la vita

Ermes Ronchi
Maria di Magdala esce di casa quando è ancora notte, buio nel cielo e buio nel cuore. Non ha niente tra le mani, non porta ...continua

 

PASQUA di RISURREZIONE
fr. Bruno Pennacchini
Le celebrazioni liturgiche della Pasqua iniziano solennemente nella notte fra il Sabato Santo e la Domenica, con l’annuncio della ...continua

 

SETTIMANA SANTA: Celebriamo Gesù di Nazaret
G. Giurisato
La settimana santa va dalla domenica delle palme a quella di pasqua. È ...continua

 

DOMENICA DELLE PALME
Gianfranco Ravasi
Gesù è morto: perché? Che cosa ha detto, che cosa ha fatto per essere liquidato ...continua

 

GIOVEDÌ SANTO
monaci di Dumenza
Rileggendo i testi della liturgia bizantina per il Giovedì Santo, giorno in cui si ...continua

 

VENERDÌ SANTO
monaci di Dumenza
Il lungo racconto della passione secondo Giovanni è incorniciato da ...continua

 

SABATO SANTO: VEGLIA PASQUALE
comunità di Bose
Nella Veglia pasquale le sette letture tratte dall’Antico Testamento sintetizzano ...continua

 

 

PROPOSTE DI MEDITAZIONI  - Desideriamo offrire testi spirituali, che possono essere di aiuto per nutrire la nostra fede e rafforzare la nostra vita in Cristo: sono un'occasione per confrontare la nostra esperienza cristiana con quella di testimoni 'antichi' e contemporanei. I testi sono presi da: Meditazioni per l'anno liturgico. Dagli Autori di tutti i tempi.

"Cristo è risorto, alleluia!" - Papa Francesco
"Cristo, nostra Pasqua, è immolato" - San Giovanni Paolo II
Benedetto colui che viene nel nome del Signore ... - sant'Andrea di Creta
La processione e la passione - Guerric D’Igny
L'agnello immolato ci strappò dalla morte - Melitone di Sardi
Vi ho dato un esempio - Sant'Agostino
Nelle tue mani - Cirillo di Alessandria
La forza del sangue di Cristo - san Giovanni Crisostomo
Sacra Vigilia - Paolo VI

 

 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org